piramide a gradoni di Djoser a Saqqara di giza

A meno di 20 miglia a sud del Cairo, nell’ex capitale egiziana Memphis (Menfi città), si trova una delle piramidi più antiche del mondo: la Piramide a gradoni di Djoser, nota anche come Zoser.

Le piramidi sono i monumenti più famosi dell’antico Egitto e affascinano ancora oggi.

Questi enormi tributi alla memoria dei re egiziani sono diventati sinonimo del paese, anche se altre culture (come quella cinese e maya) costruiscono piramidi.

L’evoluzione della forma piramidale è stata scritta e discussa per secoli, ma non c’è dubbio che, per quanto riguarda l’Egitto,
è iniziata con un monumento a un re progettato da un brillante architetto: la piramide dei gradini da Zoser a Saqqara.

In precedenza, i templi erano realizzati con materiali deperibili, mentre le tombe reali erano di solito stanze sotterranee sormontate da una mastaba in mattoni crudi (una struttura a forma di panca).

Tuttavia, Imhotep ha sviluppato la mastaba in una piramide e l’ha costruita in pietra scavata.
Da ciò scaturiscono le successive realizzazioni architettoniche dell’Egitto.

La piramide fu trasformata da mastaba attraverso sei fasi di costruzione:
i costruttori acquisirono fiducia nell’uso del nuovo mezzo e nelle tecniche di padronanza necessarie per spostare, posizionare e fissare gli enormi blocchi.

Questa prima piramide si innalzò in sei gradini fino ad un’altezza di 60 metri, ed era rivestita di pietra calcarea bianca e fine.
Nel 2650 a.C. il faraone Zoser (2667-2648 a.C.) chiese al suo architetto capo, Imhotep (poi divinizzato), di costruire per lui una piramide.

Escursione da un giorno aSaqqara e memphis citySi tratta del monumento in pietra più antico del mondo e il suo significato non può essere sottovalutato.

Il gradino della piramide è alto 60 metri ed è circondato da un vasto complesso funerario, circondato da un muro in pietra calcarea rivestita in legno di 1645 metri.

Una parte del muro del recinto sopravvive oggi, e un tratto vicino all’ingresso è stato restaurato all’altezza iniziale di 10 metri.

Si sa poco del regno di Djoser. È considerato il figlio dell’ultimo re della seconda dinastia d’Egitto, Khasekhemwy (2680 a.C. circa). Sua madre era la regina Nimaathap e sua moglie la regina Hetephernepti, che era probabilmente la sua sorellastra.

Zoser era un ambizioso costruttore di monumenti e templi.

Si ritiene che abbia regnato per vent’anni, ma gli storici e gli studiosi spesso attribuiscono al suo governo tempi molto più lunghi a causa del numero e delle dimensioni dei monumenti che aveva costruito.

Costruzione

La piramide di gradoni è stata esaminata e studiata a fondo nel corso dell’ultimo secolo ed è ormai noto che il processo di costruzione ha attraversato molte fasi diverse e che ci sono stati alcuni falsi inizi.

Imhotep sembra aver iniziato a costruire una semplice tomba a mastaba. La mastaba più alta era di 6 metri, ma Imhotep ha deciso di andare più in alto.

Le ricerche hanno dimostrato che la piramide è iniziata come una mastaba quadrata, piuttosto che la solita forma rettangolare, e poi è cambiata in rettangolare.

Non si sa perché Imhotep abbia deciso di cambiare la forma della tradizionale mastaba rettangolare, ma Imhotep probabilmente aveva in mente una piramide quadrata fin dall’inizio.
Una volta completato, il gradino della piramide raggiungeva i 62 metri di altezza ed era la struttura più alta del suo tempo.

Il complesso circostante comprendeva un tempio, cortili, santuari e case di sacerdoti che si estendevano su una superficie di 16 ettari e circondate da un muro alto 10,5 metri.

Il muro aveva 13 porte finte tagliate con un unico vero ingresso tagliato nell’angolo sud-est; l’intero muro era circondato da un fossato lungo 750 metri e largo 40 metri.

Porte finte e trincee sono state incorporate nel complesso per scoraggiare gli ospiti indesiderati.

Se qualcuno avesse voluto visitare il cortile interno e i templi, gli si sarebbe dovuto dire come arrivarci.

La Piramide a gradini di Zoser

Le camere reali della tomba, dove è stato messo a riposo il corpo del re, sono state scavate sotto la base della piramide come un labirinto di gallerie con camere al di fuori dei corridoi per scoraggiare i ladri e proteggere il corpo e le proprietà della tomba del re.

La camera funeraria di Zoser fu scavata nel granito e per arrivarci fu necessario navigare attraverso i corridoi pieni di migliaia di navi di pietra con i nomi dei re precedenti.

Le altre sale del complesso sotterraneo erano a scopo cerimoniale.

La storica Margaret Bunson

I passaggi sotterranei sono vasti e una delle scoperte più misteriose al suo interno sono i vasi di pietra.

Più di 40.000 di questi vasi, di varie forme e grandezze, sono stati trovati in due degli assi discendenti della piramide (il sesto e il settimo asse).

Su questi vasi sono incisi i nomi dei sovrani della prima e della seconda dinastia d’Egitto e sono fatti di tutti i tipi di pietre come diorite, calcare, alabastro, limo e ardesia.

I nomi dei re Narmer, Der, Den, Adjib, Adjib, Semerkhet, Ka, Heterpsekhemwy, Ninetjer, Sekhemib e Khasekhemwy appaiono su questi bicchieri, così come i nomi non reali dei personaggi minori.

Non c’è accordo tra ricercatori e archeologi sul perché i vasi siano stati collocati nella tomba di Zoser o su cosa dovessero rappresentare.

L’archeologo Lauer, che ha scavato la maggior parte della piramide e del complesso,
ritiene che siano stati originariamente conservati da Khasekhemwy verso la fine della Seconda Dinastia e che abbiano ricevuto una “vera e propria sepoltura” da Djoser nella sua piramide in onore dei suoi predecessori.

Altri storici, tuttavia, sostengono che i vasi furono gettati nei pozzi per impedire ai ladri di tombe di raggiungere la camera funebre del re.

Le piramidi sono i monumenti più famosi dell'antico Egitto
Purtroppo, tutte le precauzioni e la complessa progettazione del complesso sotterraneo non hanno impedito agli ex ladri di trovare un modo per raggiungerlo.

La proprietà della tomba di Djoser, e persino la sua mummia, è stata rubata in passato e tutti i reperti archeologici trovati del re erano parti del suo piede mummificato e alcuni oggetti di valore ignorati dai ladri.

Tuttavia, ce n’erano abbastanza per esaminare la piramide e il suo complesso e per sorprendere gli archeologi che l’hanno scavata.

Scoperta

Come molti dei monumenti d’Egitto, i visitatori e i ladri profanarono il complesso piramidale per secoli dopo che fu abbandonato, ma nessuna esplorazione sistematica fu intrapresa fino alla campagna d’Egitto di Napoleone 1798-1801 d.C.

Napoleone portò con sé un gruppo di studiosi e scienziati che esplorarono, esaminarono, registrarono e studiarono i monumenti dell’antica cultura egiziana e che, tra le altre cose, scoprirono la Stele di Rosetta nel 1799 d.C.

la stele trilingue che permise allo studioso francese Jean-Francois Champollion (1790-1832 d.C.) di decifrare i geroglifici egiziani e di far conoscere la storia dell’antico Egitto al mondo.

La spedizione di Napoleone fu il primo studio sistematico di questa civiltà e, in seguito, portò al primo museo occidentale l’installazione di un’ala permanente egizia al Louvre di Parigi.

Miroslav Verner scrive:
“Pochi monumenti occupano un posto così significativo nella storia dell’umanità come quello della Piramide a gradoni di Saqqara

Si può dire senza esagerare che il suo complesso piramidale costituisce una pietra miliare nell’evoluzione dell’architettura monumentale in pietra in Egitto e nel mondo intero (108-109)”.

La Piramide a gradini è stata un progresso rivoluzionario in architettura ma,
altrettanto importante, è diventata l’archetipo che tutti gli altri grandi costruttori di piramidi d’Egitto avrebbero seguito.

Il progetto della Piramide a gradoni ha influenzato i costruttori delle famose piramidi e dei loro complessi della quarta dinastia, tra cui la Grande Piramide di Giza, ultima delle Sette Meraviglie del mondo antico.

Si spera che gli sforzi di conservazione della Piramide a gradoni di Zoser miglioreranno in tempo per salvare questo sito unico che i visitatori potranno apprezzare e ammirare in futuro come hanno fatto negli ultimi 4.000 anni.

La Piramide di Zoser o Djoser, nota anche come Piramide a gradoni, patrimonio mondiale dell’UNESCO,
è stata riaperta il 5 marzo, dopo un restauro durato 14 anni e quasi 6,6 milioni di dollari.

Potrebbe piacere anche