Pesci del Mar Rosso – pesci mar rosso pericolosi

Con circa 1000 specie di pesci e 150 specie di coralli, il Mar Rosso è ricco di vita marina. Cliccate sulla foto per un ingrandimento e maggiori dettagli su questa specie.

Trigone a macchie blu, Taeniura lymma

pesci mar rosso

La famiglia delle Dasyatidae contiene circa 100 specie, una delle quali è il Trigone a macchie blu. Come tutte le razze hanno spine velenose alla base della coda.
Respirano aspirando l’acqua attraverso un piccolo foro dietro l’occhio ed espellendola attraverso fessure branchiali sul lato inferiore. Spesso giacciono su fondi sabbiosi, sfregando la sabbia su se stessi per mimetizzarsi. Si nutrono di molluschi e granchi.
Comune e facile da individuare in tutti gli oceani dell’India e del Pacifico, compreso il Mar Rosso e la Grande Barriera Corallina.
Semplici da identificare con la loro forma ovale e le macchie blu.
Non sono aggressivi, ma se accidentalmente si calpesta uno di essi la spina dorsale può essere punto alla gamba.
Questo provoca un dolore intenso, che aumenta per circa 90 minuti e dura, se non viene trattato, da 1 a 2 giorni

Pesce pagliaccio del Mar Rosso, Amphiprion bicinctus

guida pesci mar rossoIl pesce pagliaccio più comune nel Mar Rosso, da cui il suo nome. Ma non vive solo nel Mar Rosso. Lo troverete anche nel Golfo di Aden e nelle isole Chagos nel Pacifico, a circa 3364 km di distanza.
Ma stranamente non si trova da nessuna parte in mezzo. I pesci pagliaccio partono dal maschio, ma se la femmina muore il maschio dominante si trasforma in una femmina.
Il pesce pagliaccio del Mar Rosso vive dalle secche fino a 30 metri, generalmente vive in coppia in associazione con un anemone.
I tentacoli dell’anemone proteggono il pesce pagliaccio dai predatori. Al primo contatto con l’anemone il pesce pagliaccio si scuote all’indietro, ma gradualmente il suo rivestimento di muco gli conferisce l’immunità alle nematocisti urticanti dell’anemone

Picasso Trigger Fish, Rhinecanthus assasi

 libro sui pesci del mar rossoI pesci balestra sono così chiamati per via del grilletto a forma di pinna di squalo che sono in grado di usare per difendersi.
Lo usano per incastrarsi in una fessura del corallo. L’innesco è in realtà la prima spina dorsale della sua pinna dorsale (in alto).
Piegano la seconda spina dorsale in avanti per fissare saldamente la prima in posizione. Quando il pesce nuota la pinna è appiattita in un solco

 

Murena gigante, Gymnothorax javanicus

La murena del mar rossoLa più grande delle murene, che cresce fino a 3 m. Abbastanza comune e sempre interessante da osservare.
Si nutre principalmente di pesce, occasionalmente di crostacei e polpi.
Le murene vivono in buche e generalmente cacciano di notte.
È possibile vederle aprire e chiudere ritmicamente la bocca.
Lo fanno per mantenere una corrente respiratoria oltre le branchie.
Le murene subiscono un cambio di sesso durante la crescita, passando da maschio a femmina

 

Murena Grigia, Sidera grisea

pesci barriera corallina nomiLa murena grigia ha un corpo lungo con una pinna continua lungo il dorso.
Come le altre murene ha le narici allungate.
La si riconosce facilmente dalle linee tratteggiate che le modellano il viso, come mostrato nella nostra foto.
La murena grigia è l’anguilla più comune nel Mar Rosso.
Piuttosto piccola per essere una murena, la murena grigia raggiunge i 65 cm di lunghezza. Vive a profondità fino a 40 m su barriere coralline e rocciose.
Si possono vedere gruppi di fino a 10 giovani anguille che si rifugiano in fessure rocciose.
Le linee nere sulla faccia e sul corpo di questa murena ne segnano i pori.
Queste fanno parte del suo sistema di linee laterali che rileva le variazioni di pressione e quindi possono essere utilizzate per rilevare il movimento e le vibrazioni nell’acqua circostante.

 

Pesce Coccodrillo, Papilloculiceps longiceps

pesci mar rosso pericolosiVive principalmente sulla sabbia e sulle macerie vicino alle teste dei coralli, anche se si potrebbe trovare anche in chiazze di fanerogame.
Rimane poco profondo: tra 1 e 15 m. La testa del pesce coccodrillo èappiattita.
Hanno due pinne dorsali e creste e spine ossee sulla testa.
Il corpo è screziato in alto, biancastro in basso. Il Carpet Flathead(pesce coccodrillo) cresce fino a 70 cm.
È un pesce molto pacifico che, sicuro del suo mimetismo, permette di avvicinarsi ad altri pesci. Anche se imparentato con lo scorfano è innocuo

 

Pesce scorpione o Scorfano, Scorpaenopsis oxycephala

 pesce palla mar rosso-Lo scorfano è uno dei pesci più velenosi del mondo

Lo scorfano è uno dei pesci più velenosi del mondo.
Ha diverse spine legate alle ghiandole velenifere. Il veleno provoca forti dolori e paralisi.
Lo scorfano è estremamente ben mimetizzato. Può cambiare colore per adattarsi al suo sfondo e ha molti “tassles” che ne mascherano il contorno.
Questo  pesce scorfano vive da 1 ad almeno 35 m nel Mar Rosso e nell’Indo-Pacifico. Non avendo una vescica natatoria, rimane sul fondo o vicino al fondo.

Letargicamente, il pesce aspetta che la preda passi, poi apre la mascella inferiore e risucchia la vittima. Non molti animali predano lo scorfano, il suo veleno è il più deterrente.
Un polpo completamente cresciuto, tuttavia, non sembra essere influenzato dalle spine dorsali e avvolgerà e mangerà lo scorfano

 

Pesce leone (Scorpaenidae)), Pterois miles

Pesce leone del mar rossoSi trova nel Mar Rosso e nell’Oceano Indiano fino al Mare delle Andamane.
Altrove sostituito dai molto simili P. volitans. Di solito 11 raggi dorsali (quelli sulla parte superiore del pesce).
Una puntura di questo pesce può essere molto dolorosa, e forse mortale. Spesso si riparano sotto sporgenze rocciose durante il giorno, essendo più attivi al crepuscolo e durante la notte quando si nutrono di pesci e crostacei usando le loro pinne pettorali non pungenti per introdurre le prede in bocca. Le spine velenose del pesce leone gli permettono di essere colorate in modo vistoso, avvertendo i predatori di mantenere le distanze.

Grande Barracuda, Sphyraena barracuda

Grande Barracuda mar rossoIl Grande barracuda è un predatore di alto livello e utilizza i sensi olfattivi e visivi molto sviluppati per localizzare le sue prede.
Quando attacca, il barracuda carica a velocità elevata (circa 12 ms-1) e colpisce il suo bersaglio.
Poi scatena la potenza delle sue fauci che gli permettono di uccidere le sue prede, anche quelle più grandi del barracuda stesso.

 

Cernia di corallo (Coral Rock-Cod), Cefalopholis miniata

Cernia di corallo del mar rossoSi trova intorno al corallo in zone con acqua limpida. Facile da individuare e abbastanza comune.
Portata da 2 a 150 m e si nutre principalmente di pesci. I giovani hanno il corpo giallo con macchie blu e da adulti crescono fino a circa 41 cm.
Come tutte le cernie, Cephalopholis miniata ha una bocca grande e denti affilati.
Utilizzano delle piastre di macinazione all’interno della gola per spezzare le prede.
Le cernie sono la famiglia più importante dei predatori della barriera corallina.
Territoriali e solitari a parte nella stagione degli amori a giugno. Comune anche in altre parti del mondo, tra cui l’Australia.

 

Pesce palla mascherato, Arothron diadematus

Pesce palla sharm el sheikhDall’aspetto particolare, questo piccolo pesce palla ha una maschera nera sopra gli occhi che arriva fino alle pinne pettorali e una bocca nera.
È comune sulle frange delle barriere coralline del Mar Rosso. Altrove è sostituito da Arothron nigropunctatus (il Pesce palla a macchie nere). Tuttavia, alcuni esperti ritengono che si tratti della stessa specie. Sono chiamati pesci palla perché quando sono minacciati si gonfiano molto d’acqua, facendosi apparire molto più grandi del solito.
Questo meccanismo di difesa è importante perché si muovono così lentamente nell’acqua che altrimenti sarebbero facili prede per i predatori.
La loro seconda linea di difesa è la loro tossicità. La tossina del pesce palla – tetrodotossina – è prodotta all’interno del pesce palla dai batteri.
I pesci acquisiscono i batteri pascolando sulla barriera corallina e mangiando molluschi e altri invertebrati. Peso per peso, la tetrodotossina è fino a 100 volte più letale del veleno della vedova nera e una delle sostanze naturali più velenose.

 

Pesce farfalla mascherato, Chaetodon semilarvatus

Pesce farfalla mascherato sharm Vivono intorno al corallo, da 3 a 20 m. Molto comune in tutto il Mar Rosso. Lungo circa 23 cm, il pesce farfalla mascherato è grande per la sua famiglia. Generalmente li si vede in coppia o in grandi gruppi

Pesce angelo imperatore, Pomacanto imperatore

I pesci angelo imperatore hanno corpi profondi, piatti, corpi e piccole bocche. Sono sorprendenti da vedere, essendo grandi (40 cm) e colorati. La forma appiattita dei pesci angelo permette loro di avvolgersi tra i coralli, ma anche di mantenere la loro stabilità nelle manovre a bassa velocità per raccogliere il cibo, così come la chiglia di una barca a vela aiuta a governare e impedisce che si capovolga.
Il giovane pesce angelo ha un aspetto totalmente diverso da quello dell’adulto, con anelli bianchi concentrici su fondo blu scuro.
I giovani si trovano sotto sporgenze rocciose o in buche di scogliera poco profonde.
Gli adulti vanno più in profondità, da 3 a 70 metri. I maschi adulti difendono tipicamente un vasto territorio che contiene 2 femmine. Tuttavia, di solito si vedono i pesci in coppia. I pesci sono protogini. Ciò significa che nascono come femmine e si sviluppano in seguito in maschi.

 

Bluefin Trevally, Chaetodon semilarvatus

pesci pericolosi mar rosso sharmI Trevally sono grandi pesci argentei con la coda biforcuta. Sono predatori veloci delle acque sopra la barriera corallina e in mare aperto.
Il Trevally Bluefin è colorato in modo particolare, essendo l’unico Trevally con pinne blu elettrico e macchioline blu su fondo oro o verde.
Questo pesce può essere grande fino a 1 metro, ma normalmente si vedono individui più piccoli di questo.
Vanno dalle secche alle profondità, di solito singolarmente, ma si può vedere un branco di trevally più piccolo.

 

 

Potrebbe piacere anche