Le piramidi di giza storia- piramidi di giza interno

Una delle Sette Meraviglie del Mondo Antico

L’ultima vestigia delle Sette Meraviglie del Mondo Antico, le Grandi Piramidi di Giza sono forse le strutture più famose e discusse della storia.

Questi imponenti monumenti sono rimasti ineguagliati in altezza per migliaia di anni dopo la loro costruzione e continuano a sorprenderci e a sedurci con la loro massa travolgente e la loro perfezione apparentemente impossibile.

Il loro orientamento esigente e la loro costruzione sconcertante hanno scatenato molte teorie sulle loro origini, tra cui l’ingiustificato suggerimento che avessero un impulso alieno.

Tuttavia, guardando alle centinaia di anni che hanno preceduto la loro apparizione sull’altopiano di Giza, diventa chiaro che queste incredibili strutture sono il risultato di molti esperimenti, alcuni più riusciti di altri, e rappresentano un punto culminante nello sviluppo del complesso funerario reale.

Tre piramidi, tre sovrani

Le tre piramidi principali dell’Altopiano di Giza sono state costruite nel corso di tre generazioni dai capi di Khufu, Khafre e Menkaure (CheopechefrenMecerino).

Ogni piramide faceva parte di un complesso funerario reale che comprendeva anche un tempio alla sua base e un lungo viale di pietra (lungo circa 1 chilometro) che conduceva a est dell’altopiano a un tempio a valle sul bordo della pianura alluvionale.

Altre piramidi (più piccole) e piccole tombe

Oltre a queste strutture principali, diverse piramidi più piccole appartenenti alle regine sono disposte come satelliti.

Un importante cimitero di tombe più piccole, noto come mastaba (in arabo, “panchina” con riferimento alla sua forma – tetto piatto, rettangolare con lati inclinati), riempie l’area ad est e ad ovest della piramide di Cheope ed è stato costruito secondo uno schema a griglia per i membri prominenti della corte.

Essere sepolti vicino al faraone è stato un grande onore e ha contribuito a garantire un posto costoso nell’aldilà.

Un riferimento al soleUn riferimento al sole

La forma della piramide era un riferimento solare, forse concepito come una versione solidificata dei raggi del sole.

I testi parlano dei raggi del sole come di una rampa che il faraone sale in cielo – le prime piramidi, come la piramide dei gradini da Djoser a Saqara – sono state concepite come una scala.

La piramide era anche chiaramente legata alla pietra sacra di Ben-ben, un’icona del tumulo primitivo che era considerata il luogo della creazione iniziale.
La piramide era considerata un luogo di rigenerazione per il defunto sovrano.

 

Costruzione

Ci sono molte domande sulla costruzione di questi monumenti massicci, e le teorie sui metodi utilizzati abbondano.
Ci sono anche molte discussioni sulla forza lavoro necessaria per costruire queste strutture.
La scoperta di una città operaia a sud dell’altopiano ha dato alcune risposte.

È probabile che ci sarà un gruppo permanente di artigiani e costruttori specializzati che sono stati integrati da equipaggi stagionali di circa 2.000 contadini reclutati.

Questi equipaggi sono stati divisi in bande di 200 uomini, ogni gruppo è stato diviso in squadre di 20.

Gli esperimenti indicano che questi gruppi di 20 uomini potevano trasportare i blocchi di 2,5 tonnellate dalla cava alla piramide in circa 20 minuti, con una superficie lubrificata di limo umido.

Si stima che 340 pietre potrebbero essere trasportate giornalmente dalla cava al cantiere, specialmente se la maggior parte dei blocchi (come quelli nei cortili superiori) sono considerevolmente più piccoli.

Storia

Siamo abituati a vedere le piramidi di Giza in fotografie accattivanti, dove appaiono come monumenti massicci e lontani che emergono da un deserto aperto e sterile.

I visitatori potrebbero essere sorpresi di scoprire, quindi, che c’è un campo da golfo e una località balneare a poche centinaia di metri dalla Grande Piramide, e che il fiorente sobborgo di Giza (parte della grande area metropolitana del Cairo) si è diffuso ai piedi della Sfinge.

Questa invasione urbana e i problemi che ne derivano, come l’inquinamento, i rifiuti, le attività illegali e la circolazione automatica, sono oggi le maggiori minacce a questi preziosi esempi di patrimonio culturale mondiale.

Storia  delle piramidi di gizahLe piramidi sono state iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO nel 1979, e dal 1990 l’organizzazione ha sponsorizzato più di una dozzina di missioni per valutarne lo stato.

Ha sostenuto il restauro della Sfinge, così come le misure per contenere l’impatto del turismo e gestire la crescita del villaggio vicino.

Eppure, le minacce continuano a pesare sul sito: l’inquinamento atmosferico causato

dall’incenerimento dei rifiuti contribuisce al degrado delle pietre, e l’enorme estrazione illegale di sabbia sull’altopiano vicino ha creato buchi abbastanza grandi da poter essere visti su Google Earth.

Le rivolte egiziane del 2011 e le loro caotiche conseguenze politiche ed economiche hanno avuto un impatto negativo anche sul turismo, una delle industrie più importanti del Paese, e il numero di visitatori sta iniziando a crescere ancora una volta.

L’UNESCO ha seguito costantemente questi temi, ma il suo compito più grande per quanto riguarda Giza è stato quello di sostenere la deviazione di una strada originariamente progettata per attraversare il deserto tra le piramidi e la necropoli di Saqqara a sud.

Il governo ha finalmente accettato di costruire la strada a nord delle piramidi.

Tuttavia, mentre l’area metropolitana del Cairo (la più grande dell’Africa, con una popolazione di oltre 20 milioni di abitanti) continua ad espandersi, i progettisti propongono ora un tunnel a più corsie da costruire sotto l’altopiano di Giza.

L’UNESCO e l’ICOMOS chiedono studi approfonditi sull’impatto potenziale del progetto, nonché un piano completo di gestione del sito per le Piramidi di Giza, compresi i modi per porre fine al continuo impatto delle fuoriuscite illegali e delle cave.

Per quanto massicce, le piramidi di Giza non sono immutabili. Con la rapida crescita del Cairo, avranno bisogno di attenzione e protezione sufficienti per rimanere intatte come pietre miliari della storia antica.

 

 

Potrebbe piacere anche